Sfondo Baba Jaga

EVENTI

Scopri gli eventi più vicini a te!

QUIZ

Metti alla prova la tua conoscenza su Roald Dahl!

CONTATTACI

030.2593078 int. 5
0365.556090

“Non ho niente da insegnare. Voglio soltanto divertire. Ma divertendosi con le mie storie i bimbi imparano la cosa più importante: il gusto della lettura.”

Roald Dahl

Ciao a tutti, mi chiamo Roald e faccio lo scrittore!

Un lavoro bellissimo che mi ha permesso di fare moltissimi viaggi per il mondo e anche attraverso la fantasia. Ho scritto tanti libri e tanti racconti per voi bambini trovando ispirazione da ciò che ho fatto e visto tanto che la mia stessa vita è diventata la trama di un libro (Boy, 1984). Da sempre mi sono appassionato alla letteratura per ragazzi, ma in alcuni momenti della mia vita ho pensato anche di scrivere trame per i vostri genitori.

Innanzitutto sono nato nel 1916 in un momento in cui il mondo, ahimè, si stava preparando alla grande guerra mondiale e alle sue conseguenze ho dovuto far fronte anche io.
Allora la mia famiglia abitava nel Galles. Ma sapete dove si trova il Galles? Armiamoci insieme di una cartina geografica e vi indicherò tutti i miei viaggi e spostamenti, luoghi a me cari dove ho conosciuto i personaggi delle mie storie.

I LIBRI

Matilda

Avete mai sentito parlare di una bambina di cinque anni che sa già leggere e contare?

La potete incontrare in questo fantastico romanzo di Roald Dahl!

E non pensate che tutte le sue capacità finiscano qui!

Dovete sapere che Matilda ha due genitori davvero orribili: il padre rivende auto rubate e si crede un grande commerciante, la madre, grassa e bisbetica, non fa altro che andare tutto il giorno a giocare a Bingo. Pensate poi che nemmeno a scuola trova un po’ di serenità: la preside dell’istituto, signorina Spezzindue, dal portamento di generale, usa i bambini della scuola per esercitarsi nel lancio con il martello e odia profondamente i bambini, soprattutto i più piccini!

Stanca di questa insopportabile situazione, Matilda con l’aiuto della sua dolcissima insegnante, la signorina Dolcemiele, escogita un piano per farla pagare una volta per tutte a quella terribile preside: scopre di avere fortissimi poteri e con gli occhi riesce a far spostare gli oggetti. Immaginate quale divertimento ha provato nel mettere a gambe all’aria la signorina Spezzindue!

Matilda è una bambina saggia e coraggiosa, buona e altruista. Andate a scoprirla se volete avere un’amica con queste doti magiche!

(Illustrato da Carolina Grosa)

Le Streghe

Sapete che in Inghilterra ogni anno si radunano i membri della Reale Società per la Protezione dell’Infanzia Maltrattata? Se siete dei bambini, dovreste saperlo! Si tratta infatti di un gruppo di donne che sotto la maschera di dame belle e gentili celano un aspetto terribile e spaventoso.

Sono Le Streghe e si ritrovano in riunione con la Strega Suprema per scovare un piano e far sparire tutti i bambini dalla faccia della terra. Vogliono infatti trasformarli con una pozione magica in topi, capaci però di pensare come esseri umani.

Il bambino protagonista di questa storia ha incontrato più di una volta le Streghe e vuole raccontare la sua esperienza mettendo in guardia tutti i bambini da queste orribili donne.
C’è infatti un modo per capire se si ha a che fare con una strega: cercate di aguzzare un po’ la vista! Le streghe portano sempre scarpe a punta perchè non hanno le dita dei piedi, portano sempre guanti perchè hanno le unghie lunghissime come artigli, hanno la saliva blu mirtillo che colora i loro denti, sono completamente calve e perciò portano la parrucca e hanno gli occhi che cambiano colore. E naturalmente… non sopportano i bambini! Quindi non si tratta di vecchie signore a cavallo di una scopa e dal famelico ghigno, come tante fiabe ci hanno insegnato, ma sono donne rispettabili e di società che si mimetizzano tra di noi.

Se volete conoscere bene queste Streghe e stare sull’attenti con gli occhi ben aperti per evitare di incontrarne una, vi consigliamo la lettura di questa rocambolesca storia.

(Illustrato da Gabriele Pina)

La Fabbrica di Cioccolato

Fiumi di cioccolato, erba di zucchero filato, alberi lecca-lecca e ancora di più. Troverete tutte queste prelibatezze nella fabbrica di cioccolato di Willy Wonka, un’industria di dolciumi misteriosa: nessuno entra e nessuno mai esce nonostante dal comignolo si veda sempre fumo e dai suoi magazzini si producano tantissimi dolciumi! Ha davvero dell’incredibile!

Tutti i bambini del paese sono curiosi e così anche Charlie, un povero bimbo che vive in periferia e al quale ogni anno al suo compleanno i genitori e i nonni gli regalano tutti insieme una preziosissima tavoletta di Willy Wonka. La mangia dividendola con parsimonia durante tutto l’anno fino al compleanno successivo. Ma proprio quest’anno Willy Wonka offre l’opportunità a soli cinque bambini di visitare la segretissima fabbrica. Come? Basta trovare uno dei cinque biglietti d’invito sotto la carta della tavoletta di cioccolato. A questo punto bisogna solo sperare nella fortuna! Sarà Chalie uno di quei cinque fortunati bambini?

Se allora siete curiosi di entrare nella fabbrica di cioccolato e vedere cosa nasconde, vi assicuriamo che la lettura di questa storia sarà l’esperienza più golosa che avrete mai fatto!

James e La Pesca Gigante

James Henry Trotter è un ragazzino orfano cresciuto da due zie dall’aspetto ridicolo e contrastante: una bassa e grassa, l’altra invece alta e magra. Costringono James a pulire la casa, non gli permettono mai di uscire e così vive da solo senza nemmeno un amico.

Dopo una serie di eventi fortunati, James trova una pesca nel giardino della casa delle zie, ma questa pesca ha dell’incredibile! È una pesca enorme! Gigante! Grande quanto una persona!

Stupito, come lo sarebbero tutti a vedere una tale meraviglia, decide di entrare nel frutto attraverso un buco che si trova sulla buccia della pesca e dentro… Trova una stanza con animaletti grandi quanto un essere umano!
Ma ad un certo punto la pesca diventa troppo pesante, il ramo a cui è appesa non la regge più, si stacca dall’albero e… Rotola! Rotola! Rotola! E poi… Vola! Vola! Vola con l’aiuto di alcuni gabbiani! Vi assicuriamo che leggendo questa storia non vi annoierete, ma sarete protagonisti, insieme a James, delle avventure della sua combriccola di amici strampalati!

Gli Sporcelli

Avete voglia di incontrare una famiglia di esseri orripilanti e mostruosi? Sono gli Sporcelli e già il nome è tutto un programma! Hanno strane idee, amano fare scherzi e vivono in un mondo tutto alla rovescia. Hanno due caratteristiche per cui si distinguono: sono bruttissimi da vedere e sono super cattivi!

Il signor Sporcelli in mezzo alla sua barba lunga incastra gli amanzi del cibo dei pasti per tenerli come riserva sempre alla portata in ogni momento. Immaginate che puzza!
Questa famiglia in origine addestrava scimmie e tutt’ora ritiene che queste siano animali stupidi e senza cervello. Papà Sporcelli le ha addirittura costrette a stare in gabbia a testa in giù.

Arriverà qualcuno in loro soccorso, non disperate!
La storia della famiglia Sporcelli vi divertirà e vi farà capire che non c’è alcun bisogno di essere cattivi.

Il GGG

Sapete chi sono il GGG, l’Inghiotticicciaviva, il Ciuccia-budella, lo Strizza-teste, il Trita-bimbo, il Vomitoso, il Crocchia-ossa, lo Spella-fanciulle, il San Guinario, lo Scotta-dito? Si tratta dei Giganti dell’Ora delle ombre: è proprio il momento in cui è notte fonda e tutti dormono, o almeno così sembra… Sofia, la protagonista di questa storia, una bambina come voi, in quella notte non riusciva proprio a dormire e mentre si sporgeva dalla finestra per guardare fuori, una gigantesca mano di un Gigante la toglieva dal suo caldo lettino e la portava con sé. Spaventata, tuttavia ben bresto scoprì il tenero cuore del Grande Gigante Gentile, il GGG: non era un Gigante cattivo come gli altri, ma anzi, era dolce e addirittura vegetariano! Aveva un progetto da realizzare con lei: dovevano punire tutti gli altri Giganti che mangiavano persone e soprattutto bambini! Un’impresa non facile per Sofia, ma se siete curiosi di sapere cosa combineranno insieme, non vi resta che far volare la fantasia tra le pagine del GGG.